Loading Events

Nel pomeriggio del Giovedì santo con la Messa vespertina “In Coena Domini” cominciano i riti del Triduo Pasquale. Durante questa liturgia si compie il tradizionale rito della “lavanda dei piedi” in ricordo dell’ultima cena di Gesù, prima dell’arresto e della condanna a morte, e, soprattutto, l’istituzione dell’Eucaristia.

Gesù si alzò da tavola, depose le vesti e si cinse attorno alla vita un asciugatoio, quindi versò dell’acqua nel catino e si mise a lavare i piedi degli Apostoli, asciugandoli poi con l’asciugatoio di cui era cinto. Un gesto inaudito: la lavanda dei piedi, nell’antichità, oltre a essere un rito di ospitalità e accoglienza, era un compito dello schiavo verso il padrone, così come della moglie verso il marito o dei figli verso i padri. È l’ultimo insegnamento lasciato da Gesù ai suoi discepoli: “Servire è regnare“.

Share This Story, Choose Your Platform!

Go to Top